Puoi contattarci QUI

ABBIAMO BISOGNO ANCHE DEL TUO AIUTO

SERVONO FINANZIAMENTI PER I RICORSI! QUALSIASI DONAZIONE E' IMPORTANTE.
Di seguito il codice IBAN per una vostra donazione...

IT94Y0501802800000000137319

lunedì 7 febbraio 2011

Gasdotto Snam, si mobilita anche l'Anci

Chiesta la convocazione della conferenza Stato-Regioni


L'AQUILA. «L'iniziativa dell'Anci, con la richiesta al ministro Fitto di convocare una seduta della conferenza Stato-Regioni, costituisce un atto di grande importanza nell'ambito della mobilitazione in corso contro la realizzazione del metanodotto della Snam».  È quanto hanno dichiarato il sindaco Massimo Cialente e l'assessore all'ambiente Alfredo Moroni a seguito della nota diramata dalla stessa Anci per annunciare l'approvazione all'unanimità - da parte del consiglio nazionale - dell'ordine del giorno contenente la richiesta al ministro.  «Il documento» hanno proseguito Cialente e Moroni «è stato sottoscritto dal Comune dell'Aquila, nella persona del primo cittadino, e dal sindaco di Perugia Boccari, che è anche coordinatore delle Anci nazionale, e presentato dal consigliere comunale di Sulmona Iannamorelli, componente del consiglio nazionale. Significativo il fatto che l' ordine del giorno ponga con forza la questione del tracciato, in ragione dell'elevata sismicità dei territori attraversati e delle ripercussioni in termini ambientali, economici e sociali che si andrebbero a determinare. Il fatto che la questione giunga finalmente all'attenzione della conferenza Stato-Regioni» hanno concluso il primo cittadino e l'assessore all'ambiente «riveste un significato e un'importanza di assoluto rilievo nell'ambito delle iniziative che il coordinamento interregionale contro il gasdotto sta organizzando per scongiurare la realizzazione di un'opera impattante e costosa. Un'opera di cui faranno le spese le popolazioni interessate dal passaggio».  La contestazione nei confronti del metanodotto, il cui tracciato originale non prevedeva l'attraversamento delle zone interne, è iniziata da tempo e coinvolge decine di piccoli e grandi Comuni, qualche Provincia, nonché associazioni e comitati.

Nessun commento: