Puoi contattarci QUI

ABBIAMO BISOGNO ANCHE DEL TUO AIUTO

SERVONO FINANZIAMENTI PER I RICORSI! QUALSIASI DONAZIONE E' IMPORTANTE.
Di seguito il codice IBAN per una vostra donazione...


IT73A0359901899050188528865

martedì 20 febbraio 2018

COMUNICATO STAMPA - RICORSO AL TAR!

                                                       


RICORSO AL TAR: STRATEGIA COMUNE MA SENZA I COMITATI CITTADINI!! 

Le motivazioni sul ricorso al T.A.R. che le Istituzioni locali e regionale stanno predisponendo, sono state oggetto di ben due incontri convocati e presieduti dal Sottosegretario Mario Mazzocca. Il primo c’è stato il 7 febbraio scorso a Sulmona ed il secondo venerdì 16 febbraio a Pescara.
Le Associazioni ambientaliste presenti e convocate erano Legambiente e WWF, mentre Pro Natura Abruzzo ha richiesto espressamente di presenziare e di essere affiancata dalla Presidente di Orsa Pro Natura Peligna. Ambedue gli incontri erano finalizzati, come dichiarato dal Sottosegretario, “all’elaborazione della strategia comune unendo le nostre forze, condividendola sul piano tecnico-amministrativo e poi giudiziario. Come di consueto, sono stato, sono e sarò a disposizione per incontrare le realtà associative locali interessate ed agevolarle in questo percorso”.
Ci sorprende e ci lascia perplessi che noi, Comitati cittadini per l’ambiente, da dieci anni sul fronte dell’opposizione vera, tenace, ininterrotta, convinti da subito dell’inutilità, dei danni e dei rischi dell’infrastruttura, siamo stati ignorati: un comportamento incoerente, visto che in diverse occasioni – Comune e Regione – hanno apprezzato il nostro operato e ritenuto decisivo il lavoro svolto dall’inizio della vicenda Snam per poi metterci da parte in questa fase decisiva della battaglia. Come mai?
Non averci coinvolti a presenziare in questi incontri nei quali, certamente, avremmo dato il nostro contributo nello spirito collaborativo che abbiamo sempre manifestato dimostra che, evidentemente, le Istituzioni possono farne a meno.
I ricorsi saranno diversificati, come precisato dal Sottosegretario e questa dichiarazione ci trova perfettamente concordi anzi, siamo dell’avviso che più ricorsi si presentano, anche da parte di altri soggetti – forze sociali, comparto economico - e più possibilità di accoglimento dei ricorsi si possono avere.
Dal 24 gennaio scorso, nella riunione della Commissione Ambiente aperta con la presenza dell’Avv. Celotto, i Comitati cittadini non sono stati più interpellati e, come annunciato in quella occasione dallo stesso legale che curerà il ricorso al T.A.R., siamo ancora in attesa di prendere visione della bozza del ricorso stesso.
Ma da allora tutto tace e, nel frattempo, ai tavoli che “elaborano la strategia comune” siedono tutti tranne i Comitati.


Sulmona, 20 febbraio 2018




Comitati Cittadini per l’ambiente


Info: Giovanna 3284776001 – Mario 3339698792- Lola 3498762841 Email: sulmonambiente@gmail.com –http://sulmonambientewordpress.com/https://www.facebook.com/pages/Comitato-Ambiente-Sulmona/16343758704769

lunedì 5 febbraio 2018

Comunicato stampa del 4 febbraio 2018

Comunicato stampa del 4 febbraio 2018
Nato il Coordinamento No Hub del Gas Abruzzo, riunite le lotte sui progetti di gasdotti, centrali, pozzi e stoccaggi tra Abruzzo e Marche.
Decisa una manifestazione regionale a Sulmona sabato 21 aprile 2018.


Ieri, una partecipatissima assemblea a Sulmona ha sancito la nascita del Coordinamento No Hub del Gas Abruzzo per riunire in un'unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi; interventi che il Governo vuole imporre per far diventare distretto minerario la nostra regione. Si tratta di un progetto unitario per trasformare l'Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l'unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette.
Nell’assemblea di ieri, che ha ricordato quella di San Vito di tre anni fa dove nacque il Coordinamento No Ombrina, hanno dato il loro contributo centinaia di persone nonchè rappresentanti di associazioni, comitati e movimenti che da anni contrastano singoli progetti in Abruzzo: dal gasdotto Larino-Chieti, al progetto di estrazione a Bomba, dallo stoccaggio di Cupello a quello proposto a S.Martino sulla Marrucina e anche nelle Marche, dove ci sono interventi che interessano entrambe le regioni, come il gasdotto Cellino-Teramo-San Marco e lo stoccaggio di San Benedetto del Tronto. Queste organizzazioni, insieme a quelle di Sulmona, valle Peligna e L'Aquila, promotrici dell’incontro e che da anni stanno lottando contro il gasdotto Sulmona - Foligno e la centrale Snam di Sulmona, hanno quindi deciso di riunire le forze in un unico coordinamento con gruppi di lavoro e strumenti comuni come sito WEB, social ecc. per realizzare iniziative collettive.
Sono stati tantissimi gli interventi, compreso quello del Sindaco di Sulmona e alla fine è stato deciso di organizzare una grande manifestazione a Sulmona per il 21 aprile 2018 a cui arrivare dopo una "carovana" che attraverserà i vari centri interessati dai progetti con incontri, iniziative, sit-in, flash mob. Inoltre è stato proposto di creare presidi permanenti sulle aree interessate dal progetto della centrale e del gasdotto Sulmona - Foligno che, come ricordiamo, sarebbe l'asse principale dell'Hub del gas per il trasporto verso il nord Europa del metano importato dal TAP facendolo passare attraverso tutto l'Appennino e ben tre crateri sismici.
L'Abruzzo e l'Italia non hanno bisogno delle fonti fossili e delle relative grandi opere sequestrando il futuro del paese, l'Accordo di Parigi sul Clima impone ben altre scelte in un orizzonte temporale ristretto. Vista la crisi climatica in atto causata dalle politiche di sviluppo fondate sulle fonti fossili che gli ultimi governi non fanno che reiterare, sarebbe necessaria una radicale svolta verso l'efficienza energetica, l'uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali.
Ora tutti assieme e coordinati lotteremo per il nostro territorio.
Questo comunicato è firmato collettivamente:
COORDINAMENTO NO HUB DEL GAS ABRUZZO
Alleghiamo alcune immagini dell'assemblea di ieri.
Info: 3284776001 - 3683188739 - 3471803769