Puoi contattarci QUI

ABBIAMO BISOGNO ANCHE DEL TUO AIUTO

SERVONO FINANZIAMENTI PER I RICORSI! QUALSIASI DONAZIONE E' IMPORTANTE.
Di seguito il codice IBAN per una vostra donazione...

IT94Y0501802800000000137319

mercoledì 16 marzo 2011

L'AQUILA: MORONI, SI' GOVERNO NON FERMERA' MOBILITAZIONE ANTI GASDOTTO

(ASCA) - L'Aquila, 15 mar -
''Il decreto firmato dai ministri Bondi e Prestigiacomo non ferma la nostra mobilitazione.

Andremo avanti con i ricorsi al Tar e saremo presenti, insieme con i comitati che si oppongono alla realizzazione del gasdotto, alla riunione del Consiglio regionale del 22 marzo, durante la quale verra' discussa la legge che ferma il progetto della Snam sul territorio abruzzese''. Alfredo Moroni, assessore all'Ambiente del Comune dell'Aquila, e presidente del Coordinamento interregionale che si oppone al gasdotto della Snam, interviene sull'annunciata autorizzazione, da parte del Governo, alla realizzazione dell'impianto di compressione a Sulmona. ''Il via libera alla centrale e' un chiaro segnale da parte del Governo di voler sostenere l'opera della Snam, cui l'impianto e' strettamente connesso - spiega Moroni - Per quanto ci riguarda, come Coordinamento antigasdotto, insieme con i comitati e con le istituzioni coinvolte, siamo determinati ad andare avanti.

Alla luce di quanto e' accaduto in Giappone dovremmo tutti riflettere su come, di fronte alle catastrofi naturali, il territorio e la popolazione sono comunque esposti, anche in presenza di tecnologie avanzatissime''. Moroni ricorda che ''il nostro territorio, e in generale quello dell'Appennino interno, e' ad altissimo rischio sismico e i danni nel sottosuolo sarebbero ingentissimi in caso di sisma, con conseguenze catastrofiche e imponderabili se riguardassero un gasdotto come quello che la Snam vorrebbe realizzare''. ''Per non parlare - argomenta ancora - dei danni ambientali prodotti dalla costruzione dell'opera e delle ripercussioni anche sull'economia dei territori. Per questa ragione - conclude l'Assessore - non fermeremo la nostra mobilitazione e andremo avanti con le iniziative gia' calendarizzate, a cominciare dai ricorsi al Tar, che stanno predisponendo i nostri avvocati; il 22 marzo, inoltre, la proposta di legge, fortemente voluta dal Coordinamento antigasdotto e gia' approvata all'unanimita' in sede di Commissione regionale, approdera' in aula all'Emiciclo per la ratifica''. ''Un segnale forte - stigmatizza - della volonta', da parte della Regione, di opporsi alla realizzazione dell'opera. Un atto con il quale salterebbe un tassello importante dell'iter autorizzativo dell'infrastruttura''.

Nessun commento: